Scuola, nuovo piano triennale di assunzioni per 44mila precari

da Il Sole 24 Ore

Scuola, nuovo piano triennale di assunzioni per 44mila precari

di Claudio Tucci 

Interventi di sistema, con priorità per edilizia scolastica e sviluppo e sostegno dell’autonomia delle scuole. Interventi specifici, come valorizzazione dei docenti; e garantire apprendimenti di qualità per gli studenti. E «segnali d’attenzione immediati per i precari»: con un nuovo piano triennale di assunzione in ruolo per il 2014-2017, «periodo per il quale è previsto un turn-over complessivo di 44mila unità».

Il ministro dell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza, ha illustrato dinnanzi alle commissioni Istruzione e Cultura di Senato e Camera le linee programmatiche su scuola, università e ricerca. L’annunciato piano di nuove assunzioni per i precari si svolgerà «garantendo il giusto equilibrio tra assorbimento del personale precario e concorso pubblico».
Le priorità

Parlando di scuola, il ministro ha ribadito la necessità di arrivare a un canale unico di finanziamento per l’edilizia soolastica, sottolineando anche la necessità di un meccanismo «che consenta agli enti locali di poter spendere, derogando, per queste spese, ai vincoli di finanza pubblica». Carrozza ha poi detto di ritenere «improcrastinabile» un intervento di ripristino dei 300 milioni di euro a valere sul Ffo (Fondo di finanziamento ordinario) delle Università statali a partire dal 2013; e ha parlato di «priorità strategica» la necessità di prevedere «da subito un Piano straordinario nazionale reclutamento ricercatori», con bando nazionale, «che di fatto si configura come l’estensione a una nuova categoria (i candidati attivi in Italia) del Programma per giovani ricercatori Rita Levi Montalcini», attualmente riservato a studiosi attivi all’estero.
Sostegno finanziario all’autonomia scolastica

Parlando ancora di scuola, se arrivare all’organico funzionale viene indicato come obiettivo di «medio periodo», il ministro ha detto di voler dare maggior sostegno finanziario all’autonomia scolastica. Dal 2007, infatti, le scuole dispongono di un budget per il loro funzionamento ordinario molto ridotto, in media di 8 euro per alunno. Dal 2004 il fondo ordinario è andato diminuendo fino ad azzerarsi del tutto nel 2009, per poi aumentare lentamente e stabilizzarsi alla quota poco più che simbolica di 8 euro per alunno. L’intenzione di Carrozza è quella di «proporre di portare gradualmente nel corso del prossimo triennio la quota ad alunno da 8 a 20-25 euro utilizzando a questo scopo anche le economie derivanti dai nuovi appalti per il servizio di pulizia delle scuole»
Deroga riforma Fornero

Il ministro ha anche indicato due ulteriori punti su cui «poter lavorare»: la revisione delle norme che prevedono l’inquadramento dei docenti inidonei nei profili di assistente amministrativo e tecnico; e una «normativa integrativa» della riforma pensionistica che consenta una deroga, in considerazione della specialità del comparto scuola, al fine di permettere al personale scolastico che avesse maturato i requisiti previgenti nell’anno scolastico 2011/2012 di andare in pensione nell’anno scolastico successivo secondo la precedente normativa.

 

Emiliano

Coordinamento Scuole Valtiberina

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...