Obblighi dei docenti: dopo il termine delle lezioni nessun obbligo di servizio a meno che non sia stato legittimamente deliberato

Docente – Le scrivo per segnalarle che nella mia scuola oltre ad un calendario che prevede per quasi ogni giorno delle prossime due settimane, la presenza degli insegnanti a scuola per traslochi, riordino materiale e biblioteca, il nostro preside ci costringe a firme d’entrata e di uscita. Quasi ogni giorno sono previste tre ore per le suddette attività, senza tener conto del fatto che ciascuno di noi avrebbe bisogno di completare le azioni di rito riguardanti la compilazione dei registri, firme schede di valutazione, adempimenti di fine anno. Per quanto mi riguarda le segnalo la mia preoccupazione: sono supplente in quattro diverse classi, per le quali è previsto il trasloco in un’altra aula e in alcuni casi ad un piano diverso. Ogni classe/docente di ruolo possiede due/tre armadietti pieni di libri e materiale collezionato negli anni.

 

Le ore previste per tali attività sono 15 con firme di presenza, alla fine delle quali la referente di plesso controllerà se tutto è a posto, pena ulteriori ore. Ho letto la vs segnalazione, ma in questa scuola non esistono regole se non quelle legate a “pruriti autoctoni” di gente che pensa di essere un dio in terra solo perchè “collaboratore del preside” e si permettere di emanare circolari ad personam e convocazioni a sfizio e ogni tipo di libera interpretazione di potere che si poss immaginare. Potrei raccontarne valanghe. Avrei da denunciare tanti abusi e soprusi, ma ho deciso di aspettare solamente la fine di questo inferno tra qualche giorno.  Volevo solo segnalarvi questo perchè da sola non posso nulla contro comportamenti radicati e protetti come quelli che ci sono in questa scuola. Grazie per il vs lavoro, spesso mi sento meno sola.

 

Paolo Pizzo – Gentilissima docente,

 

in questo articolo abbiamo chiaramente indicato a tutti i docenti quali sono gli obblighi a cui attenersi dopo il termine delle lezioni.

 

È ovvio che ogni docente può poi scegliere se sottostare o no agli ordini di servizio illegittimi diramati dai Dirigenti e ahimè a volte dai “vicari” (soprattutto nelle scuole in reggenza).

 

Basterebbe che tutti i docenti si opponessero e segnalassero tali soprusi alle OO.SS. e agli Ambiti Territoriali di competenza.

 

Non lamentiamoci  invece di “questo” e di “quello” se siamo i primi a dire “che vuoi che sia”…

da orizzontescuola.it

 

Emiliano
Coordinamento Scuole Valtiberina

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...