L’ora di ricevimento genitori: ribadiamo che per il docente non è un’ora di servizio o di disposizione per le supplenze

sono una docente di sostegno a tempo indeterminato di una scuola secondaria di  I°, con settimana corta e due pomeriggi di rientro. Quest’anno, obbligata ad  inserire l’ora di ricevimento nel calendario scolastico settimanale, avevo  scelto come altri colleghi curricolari, dalle 16.30 alle 17.30 (finisco la lezione alle 16.30), per agevolare i genitori che lavorano. Il Preside, su  richiesta della vicepreside, mi ha spostato di ufficio l’ora in mattinata e  questo solo a me di sostegno, lasciando l’orario invariato del pomeriggio per altri 4 colleghi. Il vero motivo è la prepotenza di poter disporre dell’ora di ricevimento al  mattino per assegnare ore di supplenza non retribuite. Come posso ribellarmi a quest’abuso? Conosco la legge e so che lui non può  decidere della mia ora di ricevimento….

Paolo Pizzo – Gentilissima Nunzia,

abbiamo già avuto modo di esprimerci sulla questione “ora di ricevimento” mettendo in evidenza due cose.

1

Abbiamo precisato che tale  prassi della c.d. “diciannovesima ora” è illegittima perché non è prevista contrattualmente.

L’obbligo,infatti, non può che esistere nel momento in cui i genitori manifestano la volontà di avere un colloquio col docente.

Pertanto non si può, in assenza di una richiesta di colloquio da parte del genitore, obbligare il docente ad individuare un’ora settimanale in cui rimanere a disposizione a prescindere dalla richiesta del genitore.

Un conto è che i colloqui rientrino negli obblighi del docente e quindi fra i suoi “adempimenti dovuti” (e su questo non c’è dubbio); un altro è che il docente deve mettere a “disposizione” un’ora settimanale (non retribuita) oltre l’orario di servizio previsto dal Contratto, tenendo anche conto che in quell’ora non si potrebbe presentare nessun genitore (l’ora “in più” sarebbe quindi prestata in assenza di effettiva necessità).

2

Abbiamo altresì messo in evidenza che in alcune scuole accade spesso che quell’ora si ritenga anche “utile” a far svolgere al docente eventuali supplenze senza retribuzione (il che è ancora più illegittimo).

Pertanto, ribadendo la nostra posizione sui due punti sopra citati ti invito a riparlare con il Dirigente per l’orario e comunque spiegargli che se anche tale ora venisse inserita tra un’ora di insegnamento e un’altra, in ogni caso in quell’ora non potrai mai essere utilizzata per le supplenze, a meno che ovviamente ciò non sia tua volontà dietro pagamento dell’ora di supplenza. Si tratterebbe infatti di prestare un’ora eccedente.

In quell’ora, infatti, se non hai nessun ricevimento programmato potrai tranquillamente ritenerti fuori dagli obblighi di servizio.

da orizzontescuola.it

 

Emiliano

Coordinamento Scuole Valtiberina

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...