Posts Tagged ‘ gilda ’

Scatti di anzianità: la parola ai sindacati (gilda)

Il 22 novembre i sindacati della scuola (esclusa la Cgil) hanno sospeso lo sciopero con manifestazione che avevano indetto a Roma per il 24 contro il blocco degli scatti di anzianità e contro l’aumento dell’orario di cattedra a 24 ore per i docenti della secondaria. La decisione, pur se conseguita alla Convocazione a Palazzo Chigi dei Sindacati e alla presentazione dell’Atto di indirizzo per il recupero degli scatti di anzianità, è arrivata a ridosso di un’organizzazione ormai predisposta e con docenti pronti allo sciopero.

Questa scelta ha suscitato non solo attestazioni di stima per un successo ottenuto senza che i docenti ci rimettessero una giornata di lavoro e che permetterà il passaggio di gradone, il recupero degli arretrati e un conteggio più favorevole per la pensione ma anche proteste. Proteste dure e molto polemiche contro i sindacati, pronti sempre a cedere e ancora di più contro la Gilda che è sembrata rinunciare ad uno stile che fino ad allora l’aveva contraddistinta.

E’ vero, tutto ciò? La Gilda – e lo sa bene chi la segue – non ha mai avuto problemi a rispondere sulle sue scelte e sulle sue decisioni, che sono, lo ribadiamo, scelte politiche e come tali vanno giudicate.

Continua a leggere

Sciopero del 24 Novembre confermato. Istruzioni operative

Cari colleghi vi informo di una cosa che di certo già sapete: lo sciopero del 24 novembre prossimo è confermato. Di seguito qualche indicazione utile.

La CISL scuola ci ricorda, con un comunicato a firma Francesco Scrima, che giorno 24 novembre lo sciopero della scuola è confermato.

“Pur avendo ottenuto il ritiro delle norme sull’orario dei docenti, – afferma Scrima – non abbiamo avuto alcuna risposta sull’altra questione oggetto della mobilitazione, l’avvio della trattativa sulle progressioni di anzianità”.Le parole del segretario sono dure, “gli scatti non sono un privilegio”

E non fa sconti a Ministro e Governo. Il Ministro si è dimostrato “incapace di tener fede ai suoi impegni, un governo che continua a rifiutarsi di applicare le intese sottoscritte lo scorso
anno da MIUR e MEF.”

L’appuntamento è dunque giorno 24 a Roma con lo sciopero indetto da FLCGIL, GILDA, SNALS, FLCGIL, UIL e SNALS.

Questo il comunicato dei sindacati

http://banner.orizzontescuola.it/documento_ragioni_obiettivi_sciop_241112.pdf

Emiliano

Coordinamento Scuole Valtiberina

Protesta. Quali attività il docente si può rifiutare di svolgere? Spesso si tratta di lavori sottopagati

In questi giorni in molti istituti si stanno attivando delle attività di protesta contro i tagli della Legge di Stabilità e il blocco degli stipendi. La Gilda ha messo a disposizione un documento con il quale si riassumono tutte quelle attività che non sono obbligatorie e che i docenti possono riufiutare di svolgere.

Il documento è interessante anche perchè si mette in evidenza quanto lavoro sommerso e sottopagato, oltre quello che riguarda la correzione dei compiti, la preparazione delle lezioni etc. via con la solfa.

Ma c’è dell’altro. Quante funzioni non vengono adeguatamente retribuite, in relazione al carico di lavoro?

Prendiamo degli esempi:

  • il coordinatore di classe/segretario
  • il collaboratore del dirigente, la cui retribuzione ormai è affidata alla contrattazione
  • i responsabili di progetto, componenti di svariate commissioni, coordinatori di dipartimento. Tutte figure la cui retribuzione è irrisoria rispetto alla mole di lavoro da svolgere.
  • i docenti accompagnatori alle gite. Hanno responsabilità civili e penali e sono in servizio 24h e non vengono reitribuiti per gli straordinari effettuati.

I consigli che troverete nel dossier della Gilda affronteranno tutti questi ambiti, oltre alla questione legata all’orario di ricevimento e all’adozione dei libri di testo.

Scarica il documento

La redazione