Posts Tagged ‘ pensione ’

I nuovi requisiti pensionistici della riforma Fornero in vigore dal 1 gennaio 2013

Da ieri sono in vigore le nuove regole sui pensionamenti volute dal governo Monti e messe a punto dalla riforma Fornero. Per la prima volta viene applicato il sistema dell’adeguamento automatico delle pensioni all’aspettativa di vita, grazie al Dm 6 dicembre 2011 che ha incrementato di 3 mesi tutti i requisiti di accesso a partire da ieri, 1° gennaio 2013.

Un’altra importante novità è l’abolizione della pensione di anzianità, che si poteva ottenere prima di aver compiuto l’età necessaria per la pensione di vecchiaia, in quanto era subordinata solo al raggiungimento di un certo periodo minimo di anzianità contributiva.

Oggi è possibile andare in pensione prima dell’età prevista per il trattamento di vecchiaia solo se si supera il periodo minimo di contribuzione e con penalizzazioni se si sceglie di andare in pensione in età troppo giovane. Infatti nel 2013 sarà necessario avere come minimo contributo 42 anni e 5 mesi per gli uomini e 41 anni e 5 mesi per le donne. Chi deciderà di andare in pensione prima dei 62 anni, perderà dall’1 al 2 per cento sull’assegno di pensione per ogni anno di anticipo.

La pensione di vecchiaia si consegue quando si raggiunge un requisito minimo di età, cui deve essere accompagnato un requisito contributivo (almeno 20 anni di contribuzione, a qualsiasi titolo versata o accreditata). La riforma prevede un meccanismo di crescita graduale del requisito anagrafico legato alle speranze di vita e nel 2013 i requisiti saranno 62 anni (63 anni e 6 mesi per le autonome) e sale a 63 anni e 6 mesi dal 2014 (64 anni e 6 mesi per le autonome), a 65 anni dal 2016 (65 anni e 6 mesi per le lavoratrici autonome) e, infine, si stabilizza a 66 anni a partire dal 2018 (66 anni per le lavoratrici autonome). L’età della della pensione di vecchiaia non potrà comunque essere inferiore a 67 anni dal 2021.

Ma oltre al requisito anagrafico per andare in pensione di vecchiaia sarà necessario maturare un’anzianità contributiva di almeno 20 anni ed a chi ha cominciato a versare contributi dopo il 1° gennaio 2006 è richiesto che l’importo dell’assegno sia almeno pari a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale, con delle eccezioni per chi raggiunge i 70 anni di età.

Le GUIDE

Scheda UIL 

Tutorial Gilda 

Scheda CISL

Lo speciale di Orizzonte Scuola  con Guida alla Registrazione e navigazione su Istanze on line

da orizzontescuola.it

 

Emiliano

Coordinamento Scuola Valtiberina

Annunci

Come si va in pensione nel 2013

Il  25 gennaio 2013 scade il termine di presentazione delle domande di cessazione dal servizio per il personale della scuola dal 1 settembre 2013.
Per i dirigenti scolastici il termine è il 28 febbraio come previsto dalle norme del CCNL dell’Area V della dirigenza.

La domanda, compreso quella con contestuale richiesta di part-time, dovrà essere compilata attraverso le istanze on-line (POLIS).
Sul nostro sito sono disponibili una guida e un video che illustrano le procedure da seguire per la registrazione.

La FLC CGIL ha predisposto una scheda di approfondimento del Decreto Ministeriale 97 del 20 dicembre 2012 e della Circolare Ministeriale 98 del 20 dicembre 2012 relativi alle procedure per la cessazione dal servizio.

Presso le sedi della FLC CGIL e dell’INCA CGIL (in Italia e all’estero) è disponibile uno specifico servizio di consulenza gratuita personalizzata e qualificata per fare le scelte più opportune. Vista la delicatezza e la complessità dei calcoli per determinare l’ammontare della pensione e della liquidazione, è consigliabile che la pratica pensionistica sia istruita e seguita in ogni sua fase dal patronato INCA CGIL che è soggetto accreditato presso il Ministero del Lavoro e garantisce competenza e professionalità.
Il patrocinio è del tutto gratuito.

Allegati